Su robertogiannoni.com ci sono post e commenti

19 set 2013

Passione

Molto spesso mi guardo intorno e osservo, vedo un movimento fatto di persone che hanno in comune una forte passione per la bicicletta, sembra scontato quello che dico ma non è così.
Leggendo un racconto di Davide Cassani: "Oggi sono uscito in bicicletta. Faenza, ho preso la direzione di Lugo per essere alle 14 pronto all'appuntamento con il solito gruppetto. Non eravamo tanti forse il vento, fortissimo, ha scoraggiato i più pigri. Dopo il mio turno in testa al gruppetto ho cercato rifugio a ruota e ho cominciato questa conversazione con un corridore che sinceramente non conoscevo.
"Scusami Davide ma hai qualcosa per un dolore al ginocchio"?
Purtroppo no gli rispondo.
"E secondo te, qualche foruncolo al soprasella è dovuto al fatto che mi alleno tutti i giorni per 80-90 km"?
Penso di si, il mio consiglio è quello di fare qualche giorno di riposo....
"Vedi Davide, purtroppo non vado più come lo scorso anno, e non capisco il motivo"
Io lo guardavo e sorridevo, In lui traspariva la voglia di pedalare, divertirsi, misurarsi, quasi come volesse fermare il tempo per godersi la sua bicicletta.
Intanto è cominciata una salitella e l'andatura non è delle più tranquille. Il vento è proprio noioso ed il mio compagno di viaggio va a cercare un po' di riparo spostandosi leggermente a sinistra, ma ha ancora fiato per chiedermi qualcosa.
"Scusami Davide ma in salita è meglio andare agili o duri."
Cura l'agilità gli dico, vedrai che a lungo andare riuscirai meglio a superare le salite.
A voi sembrerà normale trovare ciclisti che hanno voglia di imparare, desiderio di sapere, possibilità di migliorare, curiosità da soddisfare ma quando tutte queste domande te le fa un ragazzo nato nel 1934......
L'ho sempre detto che la bicicletta fa invecchiare bene."

Non posso che confermare anche nel mio piccolo, stimati professionisti (non corridori) che fanno salti mortali per andare in bicicletta, andare non vuol dire solo fare passeggiate, no, significa continuare a migliorasi in allenamento o in gara non importa, lo scopo è quello della performance.
Tutto questo non avrebbe senso senza la passione.
Nelle gare amatoriali vincono quasi sempre i soliti, perchè più dotati, più abili, più portati eppure il gruppo è sempre folto e nonostante le batoste si va alle corse.
Quando prendo le batoste mi domando perchè continuo a correre, l'età avanza, il tempo per allenarsi e recuperare è sempre meno, eppure si contina a correre.
Le levataccie i sacrifici che si fanno sottraendo tempo al divano, evitando tutte le leccornie diciamo limitando, andare a letto presto spegnendo la tele, quante rinuncie, bene queste cose a me non mancano, il mio stile di vita è quello di stare bene con me stesso, la passione mi porta a non far fatica a fare sacrifici (per i comuni).
Andare alle gare oppure fare un allenamento per me è una festa, così come pulire e prendermi cura della bici, pensare alle migliorie tecniche oppure pensare a che allenamenti fare, tutte cose che se non hai passione non puoi capire, come fai a non amare il profumo delle creme riscaldanti da mettere sulle gambe prima della gara, oppure non amare il suono emesso alla partenza quando si agganciano i pedali.
Non tutti possono capire il mio stile di vita, bene non mi curo di chi non mi capisce.


 

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per aver commentato.