Su robertogiannoni.com ci sono post e commenti

20/feb/2013

In fuga dal gruppo per essere immortale

Ieri hai preso il largo durante una delle tue passioni, il lavoro nei monti, la fatalità o il destino ti hanno portato lontano dalla tua famiglia, dai tuoi amici, da tutti quelli che ti stimavano e dal tuo lago.
Il tuo fisico non ha retto, sembravi invincibile invece....  solo i super eroi quelli inventati lo sono, l'uomo diventa immortale solo dopo la morte.
Continuerai a pedalare sulle strade del lago, certo non incrociarti più sulla strada e rispondere al saluto sarà un vuoto incolmabile, ma continueremo a parlare di te, le tue avventure i tuoi racconti, le tue vittorie continueranno ad essere ricordate dai molti che ti porteranno dentro per sempre.
Abbiamo passato un inverno a pedalare insieme sulle sponde del lago, dove ho avuto modo di conoscerti bene e di capire le qualità sia sportive che umane.
In bici tiravi sempre, stare a ruota non ti piaceva proprio, il rapportone in pianura cantava era musica, la tua cadenza era costante e possente, i tuoi muscoli scolpiti sembravano d'acciaio, un vero Iron man.
Oggi è davvero difficile scrivere in modo sereno, il dolore è tanto, i tuoi anedoti non li dimenticherò mai, ciao Ugo.



 

2 commenti:

Grazie per aver commentato.