Su robertogiannoni.com ci sono post e commenti

15 ott 2012

Periodo di transizione

Inizia il periodo di transizione, quella fase che porta dalla fine della stagione agonistica all'inizio della preparazione generale.
In questo periodo di stacco dalle competizioni è necessario porre rimedi a tutte quelle piccole cose che durante la stagione sono state in qualche modo trascurate.
Svago e divertimento diventano fondamentali, così come eventuali rimedi atti a compensare le carenze date dalla pratica ciclistica, i cosiddetti muscoli antagonisti.
L'attivita aerobica di fondo non deve essere mai abbandonata, dopo alcuni meritati giorni di riposo, è fondamentale inserire qualche sport alternativo, bene il nuoto, la corsa a piedi o le semplici camminate tra boschi e colline, ottime anche le attività invernali come il pattinaggio e lo sci di fondo.
Personalmente non consiglio ad un amatore lo stop totale per un lungo periodo dall'uso della specialissima, almeno un'uscita alla settimana tempo permettendo la inserirei nel periodo, in alternativa va bene anche la mtb, che ritengo importante per la tecnica di guida.
Fondamentale sarà il potenziamento muscolare fatto in palestra per tutte le fasce muscolari agoniste ed antagoniste.
Iscriversi in una palestra e lavorare su tutti i muscoli in modo tale da prepararsi alla seconda fase quella dei carichi più pesanti avendo una buona tecnica di esecuzione e un elasticità muscolare idonea.
Lo stretching rimane sempre importante e non è sostituibile, lo yoga, e il pilates possono essere delle valide alternative.
Direi che tutto ciò va preso con la massima serenità e senza troppo impegno, altrimenti non si ricaricano le batterie per l'inizio della preparazione generale.
Non si deve avere fretta di iniziare con la bici ricordando che l'inverno è lungo e che la neve e il ghiaccio possono come all'inizio del 2012 ritardare o addirittura fermare la preparazione.
In questa fase eviterei le pedalate indoor sui rulli o ciclosimulatori, terrei questa pratica per la fase più avanzata di preparazione generale.
Insomma chiudere il gas per dirla da motociclista, fa bene, ma mai spegnere completamente il motore.





Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per aver commentato.