Su robertogiannoni.com ci sono post e commenti

11 lug 2011

Gare di sabato e domenica

Due gare a confronto, sabato vado in provincia di Bergamo esattamente a Ciserano, gara organizzata da Mariotti con la collaborazione della locale società ciclistica medici senza frontiere.
Gara lunga oltre i 120 km partenza alle 13,30 fa molto caldo al via un centinaio di atleti, la partenza è unica con classifica finale assoluta e premiazioni per categoria.
Il tracciato prevede un tratto tecnico che attraversa Ciserano e degli stradoni molto belli con alcune rotonde ad interrompere i rettilinei l'altimetria è quasi zero ed il dislivello finale dato dai sottopassi è pari a 220 mt circa, la velocità media finale intorno ai 40 km orari, il caldo la vera difficoltà per chi come me era sprovvisto di rifornimenti d'acqua a bordo strada.
Si parte forte e subito ci sono fuoriuscite dal gruppo ma non voglio fare "radio corsa", mi va di scrivere dello spirito amichevole che si respira nonostante l'agonismo e l'ottimo livello dei partecipanti.
Da dentro la gara il traffico automobilistico sembra inesistente, sul percorso è stata cosa rara vedere delle auto in senso opposto, si sono viste si, ferme a bordo strada e tempestivamente segnalate sia dalla moto staffetta che dai corridori, da fuori invece mi hanno riportato che c'era molto traffico.
Alla fine arrivo contento e soddisfatto della mia prova, dovevo osare di più ma non sapevo se tenevo vista la mancanza del ritmo di gara su questa distanza, invece bene, ho fatto un buon finale.
Complimenti all'organizzatore di questi eventi.
La partenza della gara di Ciserano
Domenica invece decido per un'altra gara lunga 90 km in quel d'Inveruno (Mi) con l'organizzazione dell'equipe Corbettese.
Il percorso è velocissimo, un tratto molto tecnico con tante curve ed un tratto con il porfido all'interno del paese, poi un lungo rettilineo velocissimo ad alzare la media.
Sono previste due partenze la prima vede la fascia dei giovani più i veterani, la seconda dei meno giovani, l'ora di partenza è fissata alle 9.
Partiamo in tanti circa 140 atleti e l'andatura è da subito elevata, la gara è molto nervosa, si percepisce un clima teso, si consuma molto per mantenere le posizioni, sono tanti i tentativi di fuga, alla fine viene fuori una volata di gruppo.
Io, gambe dure! Il caldo e i km del giorno prima si sentono, resto sempre in gruppo mi faccio guidare prendo la gara come un ottimo allenamento a velocizzare il gesto, nel rettilineo a 105-110 pedalate si stava sopra ai 55 km ora, ottimo esercizio simile al dietro motori.
L'organizzazione buona anche se nonostante il grande impegno di Sangalli e C. manca qualcosa rispetto alle gare di Mariotti.

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per aver commentato.