Su robertogiannoni.com ci sono post e commenti

09 feb 2011

Il ciclista del lago

Avanti e indietro nel freddo inverno, il ciclista del lago è fortunato.
Da Como ad Argegno passando per Cadenabbia, Tremezzo e Colonno
sulla strada statale Regina,

con un tepore caldo la mattina
mentre nel resto della pianura la temperatura è sottozero.
Lago!
Caro lago che mitighi l'inverno,
senza di te sarei perso,
sarei nebbioso,
grigio in volto,
non conoscerei il sole.
Invece arrivato a Como tutto cambia diventa primavera.
Una sponda vale l'altra da Lecco a Mandello,
da Lierna, Varenna e Colico,
fino a  Piona, passando da Domaso e Gravedona.
I monti ti circondano innevati e ti proteggono,
mi accompagnano  il Tivano e la Breva,
il Tivano nel primo mattino,
finito il suo lavoro lascia il posto alla Breva,
gli altri venti non li cito perchè sono portatori di mal tempo.
Arrivo a Menaggio nella piazza Garibaldi mi fermo,
un caffè e mi faccio baciare dal caldo sole.
Riparto avanti e indietro con la bicicletta libero di pensare e continuare a sognare.

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per aver commentato.