Su robertogiannoni.com ci sono post e commenti

05 dic 2010

Tragedia

Sono 7 i ciclisti assassinati da un automobilista sotto effetto di droga così a detta del tg appena andato in onda, aveva a bordo dell'auto un ragazzino di 10 anni.

Dove andremo a finire, ammazzati come formiche da pazzi assassini incoscienti indegni di stare sulla strada.
Stamattina eravamo in bici come queste persone, sarebbe potuto capitare anche a noi.
Non c'è un responsabile per quello che accade, ma a quanto pare in auto ci vanno tutti, credendosi padroni della strada e mancando di rispetto alle vite umane, il ciclista non vale nulla, è un intralcio al traffico.
A questo ci dobbiamo ribellare, non si può permette ancora oggi in Italia di andare in macchina senza i requisiti necessari per mettersi al volante.
Non è possibile che uno guidi senza patente, non è possibile che uno si metta alla guida sotto effetto di stupefacenti, l'auto ha creato ricchezza per i costruttori, ha creato beneficio per tutti, ora siamo in troppi si deve sfatare il mito dell'auto, dobbiamo ribellarci agli assassini liberi di correre sulle strade senza rispettare le regole.
Mi appello alle autorità preposte a vigilare sulla circolazione, controllate e fermate tutte le auto sospette, non è possibile che certe vetture circolino liberamente sulle strade.
Nei quartieri, nei paesi i preposti devono conoscere i cittadini, le autorità devono essere più presenti nel territorio, non si devono girare dall'altra parte quando passa un sospetto.
Non dico che è semplice eliminare questo fenomeno, ma ora stiamo esagerando, non possiamo più andare avanti così.
Non dimenticherò mai la dichiarazione fatta da chi mi ha investito, "l'ho visto ma pensavo di farcela", la prepotenza del mezzo più grande sulla strada è questa, possono evitare di dare la precedenza, possono sorpassare in contromano, possono tutto.
Basta!

Ho corretto le inesattezze apprese dai tg, forse abbiamo troppa fretta nel voler diffondere le notizie e nel commentarle, domani sarà il giorno dei funerali.
La comunità e l'informazione si è resa conto della gravità della tragedia che ha colpito queste nuove vittime della strada.
Mi viene la definizione di martiri, speriamo che il loro sacrificio non sia vano.

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per aver commentato.