Su robertogiannoni.com ci sono post e commenti

02 mar 2008

In giro a zonzo....

Stamattina mi sono svegliato presto, avevo caldo e poi dovevo si va be non interessa a nessuno questo.
Colazione classica tea verde, fette integrali con marmellata e yogurt, guardo la temperatura ed è già di 13°, sono le 7 del mattino, me la godo questa colazione ritmi lenti anzi molto lenti, con calma faccio tutto quello che devo fare, alle 8,30 sono già pronto per uscire in bici, non è da me questo, solitamente esco molto tardi, probabilmente oggi il mio fisico percepisce la primavera o sono già nell' ora legale.
Il fatto è che mi sento stanco da ieri, ho le gambe dure, mi vesto finalmente più leggero del solito, è difficile spiegarlo, ma quando esci in bici in corto è un altra vita, oggi ero vestito ancora in lungo ma molto più leggero, niente copri scarpe, berretto sotto casco, ma soprattutto niente giubbino invernale.
Parto a zonzo senza un idea di cosa mi aspetta, vado a Como, tanta gente in bici per strada ma anche tanto traffico, a Cernobbio appena passato il pizzo mi raggiunge un amico scalatore e mi propone di andare incontro a dei suoi amici che lo hanno lasciato per strada, in realtà era lui in ritardo, accetto la sua proposta, arrivati ad Argegno si sale per San Fedele Intelvi, arrivati in alto scendiamo a Porlezza, dove incontriamo i suoi amici, quindi ritorno in valle Intelvi, salita di 6 km.
Si sale regolari ma guardando bene di non farsi staccare e se possibile staccare gli altri, dicasi amichevole bagarre, salgo benino sempre appena sotto la soglia, con le sensazioni di stamattina sarei andato solo fino all' edicola, invece mi ritrovo a fare salita e salgo anche bene, come siamo strani quello che si percepisce al mattino a volte non conta proprio nulla, penso però sia dovuto ad altri fattori questo, si dovrebbe trattare della competizione che mette in atto ormoni che creano queste risposte fisiologiche, infatti tornati in quel di Como appena resto solo prevale la stanchezza e la voglia di andare come una lumachina, però mi tocca un altra salita corta ma impegnativa e quando si è stanchi diventa lunga, mentre salgo inizio a percepire che fa davvero molto caldo, il sole mi porta in estate e dimentico di essere stanco e di avere fame.

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per aver commentato.